calendar - BASE Milano

filtra tag
  • Reset
Dom 13 Giu
giorno
mese
djset
WARM UP_ Dj set w/ La Rochelle
07.05.21 - 04.06.21
time : 18:30 - 21:30
WARM UP. A maggio ci scaldiamo in attesa dello Stabilimento Estivo. Tra uno spritz al tramonto, all’ombra dell’albero nel palco e sotto le luci del cortile, vi aspettiamo nella nostra piazzetta urbana in compagnia dei djset pre-estivi.
Il venerdì è la serata di DJ La Rochelle, che da anni anima le serate di Base con la selezione delle migliori sonorità electro-funk e French touch.

L'ingresso è libero, ma è consigliata la prenotazione al numero 392 997 7049.
talk
TALK_ WE WILL DESIGN_ Cross Cultural Chairs
04.06.21 - 04.06.21
time : 19:00 - 20:30

Se stai leggendo questo articolo seduto, probabilmente ti trovi in un paese occidentale (circa 2,3 miliardi di persone). Se invece stai incrociando le gambe o sei accovacciato, probabilmente sei nella parte orientale del mondo (4,4 miliardi di persone). Gli atteggiamenti, i comportamenti e percezioni umane sono modellate dalla loro cultura e dal loro ambiente, che è profondamente radicato in tutti gli aspetti alla vita.

Continua il percorso verso la Milano Design Week 2021. All'interno del programma annuale We Will Design, BASE propone un incontro con il designer Matteo Guarnaccia.

Cross Cultural Chairs è una ricerca fondata sulle differenze socio-culturali analizzate attraverso le sedie. Nato dalla curiosità della costruzione della sedia e dall'atto di sedersi, Matteo Guarnaccia, designer Siciliano fondatore di CCC, analizza il contesto culturale di questo oggetto tra otto dei paesi più popolati, per un periodo di otto mesi, stabilendo una collaborazione triangolare tra uno studio di design locale, i loro artigiani e CCC. La globalizzazione ci sta riunendo tutti sotto un'unica bandiera culturale? La nostra generazione indossa le stesse scarpe, ascolta la stessa playlist e guarda gli stessi film; ma usiamo le stesse sedie? Ci sediamo allo stesso modo? Sono stato spinto a vedere e comprendere l'impatto della globalizzazione sul design tra le giovani generazioni di designer. L'appropriazione culturale sta avvenendo e sta segnando la nostra generazione migliorando i pensieri e la comunicazione tra le culture, ma quali sono i contro effetti?

L’intenzione di CCC è di sollevare alcuni pensieri e domande per le generazioni future di progettisti che provano a risolvere dei problemi; una sfida a relazionarsi con la propria cultura seguendo un archetipo culturale basato su l’esperienza/ricerca, non sulle tendenze.

Per prenotazioni

djset
WARM UP_ Dj set w/ Trashick
20.05.21 - 05.06.21
time : 18:30 - 22:30
WARM UP. A maggio ci scaldiamo in attesa dello Stabilimento Estivo. Tra uno spritz al tramonto, all’ombra dell’albero nel palco e sotto le luci del cortile, vi aspettiamo nella nostra piazzetta urbana in compagnia dei djset pre-estivi. Lady Violet dj e Vanille Superstar sono un duo di DJ milanesi che condividono la consolle dal 2010. I loro dj set spaziano dal funky al rock'n'roll, dalla musica italiana al pop, dal rock agli anni 90. Assieme hanno creato Trashick, una serata che riflette le loro personalità libere, che porteranno in cortile giovedì 20 e giovedì 27 maggio.
L'ingresso è libero, ma è consigliata la prenotazione al numero 392 997 7049.
event
Sunday Brunch w/ Nescafé
09.05.21 - 25.07.21
time : 12:30 - 15:00

Per avvicinarci all'estate nel nostro cortile post-industriale sempre più verde, ogni domenica mattina protagonista il brunch powered by Nescafé.

  Save the date con gli special brunch: 20 giugno - InCanto Ensemble: laboratorio musicale, una grande occasione di partecipazione da parte del pubblico di adulti e bambini. Accanto al repertorio di brani curato e studiato per i piccoli. 18 luglio - Psychophono: una selezione musicale in vinile dai paesi della coffee belt per entrare nel mood Cumbia Arabica - Brasile, Colombia, Ecuador. 19 settembre - Base Comedy: in prosa o in versi, il meglio che possa essere partorito dalla parte più prorompente del corpo umano: le nostre labbra. 03 ottobreLudosofici: il tavolo del brunch diventa lo strumento per far giocare adulti e bambini con diversi tipi di immaginario, attingendo al mondo della filosofia e della didattica dell'arte.   Il menù adulti (22€) comprende:
  • un piatto a scelta tra: - 2 uova in camicia con crostini di pane, prosciutto cotto e asiago - 2 uova fritte o strapazzate con crostini di pane e pancetta croccante - carpaccio di salmone marinato con crostini di pane e burro
  • insalata verde
  • pane toast
  • burro
  • marmellata
  • caffè americano Nescafé/ the caldo/ cioccolata calda
  • spremuta di arance biologice
  • un dolce a scelta tra: - muffin - torte della casa
Il menù bimbi (15€) prevede:
  • un piatto a scelta tra: - 1 uovo in camicia con crostini di pane, prosciutto cotto e asiago - 1 uovo fritto o strapazzato con crostini di pane e pancetta croccante
  • pane toast
  • burro
  • marmellata
  • latte/ cioccolata calda
  • succo di frutta
  • un dolce a scelta tra: - muffin - torte della casa
  È consigliata la prenotazione al numero 392 997 7049. Il Bistro di Base è diventato cashless, ma puoi scegliere come pagare tra bancomat, carta di credito, postepay, mobile app, wearable payment.
workshop
WEB DESIGN CON WORDPRESS - AVANZATO
07.06.21 - 10.06.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. WEB DESIGN CON WORDPRESS - AVANZATO: Come gestire al meglio WordPress per creare un sito professionalmente efficiente e funzionale Docente: Ylbert Durishti Un corso pratico e teorico per migliorare e gestire al meglio un sito web dinamico, partendo da un sito base con WordPress. Realizzare e gestire un sito web con WordPress può sembrare semplice, ma allo stesso tempo risultare complesso. Per andare online in maniera professionale servono delle competenze aggiuntive che trasformano una struttura basic, in un sito al pari di quelli creati da veri professionisti, capaci di coniugare l’anima creativa e del buon gusto con quella dell’esperienza di utilizzo – User Experience. Durante il corso si affronteranno questioni pratiche e i sistemi più avanzati basati sui migliori plugin premium, tra cui quelli che permettono di trasformare un sito in multi-language. Si vedrà come creare delle landing page per convertire i visitatori in lead, il tutto basato su un design responsive RWD. Si capirà come ottimizzare le proprie pagine in WordPress per avere una maggiore visibilità sui motori di ricerca. Si affronteranno le tecniche per mantenere il proprio sito sempre online e ridurre i pericoli di perdita dati. Il corso si rivolge a chi ha conoscenze di WordPress o ha già seguito il corso base e vuole migliorare la propria visibilità online. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 150 € in presenza | 120 € online
talk
Ostinato Sguardo talk w/ Gianluca Folì
08.06.21 - 08.06.21
time : 19:00

Appoggiare la matita sul foglio, provare e riprovare. Ricominciare da capo, studiare, insistere, cercare il tratto, il colore corretto, che sia il migliore per raccontare quella storia. Osservare ancora, osservare meglio. Parlare, anche con se stessi, oppure restare in silenzio, semplicemente.

Come nasce un disegno? Dal bisogno di mettere su carta ciò che l'autore vede, sente, immagina.

Ostinato sguardo ripercorre vent'anni di mestiere che Gianluca Folì ha saputo trasformare nel suo linguaggio, tanto poetico quanto immediato.

Il primo libro realizzato dalla redazione di ILIT – magazine dedicato al disegno e ai disegnatori- celebra questo traguardo con un talk dal palco dell'hub creativo BASE Milano. Protagonisti: Gianluca Folì, insieme ad alcuni ospiti speciali: Maria e Filippo La Duca di ILIT, Guido Scarabottolo, Shout e Cristiano Guerri.

Il mix di punti di vista scorre lungo parole chiave, spiega nel suo evolversi come matura la consapevolezza del metodo e ribadisce il ruolo e la potenza dell’immagine, capace di aprire finestre fuori dall’ordinario. Lì dove l'occhio si muove, nel piccolo spazio di una copertina di un romanzo o sui poster di un festival di musica, nascono le forme che, silenziose, nutrono i nostri paesaggi interiori.

Il libro Ostinato sguardo sarà in vendita durante la serata e l'autore disponibile per firma copie. 

Martedì 8 giugno - h 19.00 Talk con Maria La Duca di ILIT, l’autore Gianluca Folì, Guido Scarabottolo, Shout e Cristiano Guerri. Ingresso libero con prenotazione

workshop
WEB DESIGN CON WORDPRESS - AVANZATO
07.06.21 - 10.06.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. WEB DESIGN CON WORDPRESS - AVANZATO: Come gestire al meglio WordPress per creare un sito professionalmente efficiente e funzionale Docente: Ylbert Durishti Un corso pratico e teorico per migliorare e gestire al meglio un sito web dinamico, partendo da un sito base con WordPress. Realizzare e gestire un sito web con WordPress può sembrare semplice, ma allo stesso tempo risultare complesso. Per andare online in maniera professionale servono delle competenze aggiuntive che trasformano una struttura basic, in un sito al pari di quelli creati da veri professionisti, capaci di coniugare l’anima creativa e del buon gusto con quella dell’esperienza di utilizzo – User Experience. Durante il corso si affronteranno questioni pratiche e i sistemi più avanzati basati sui migliori plugin premium, tra cui quelli che permettono di trasformare un sito in multi-language. Si vedrà come creare delle landing page per convertire i visitatori in lead, il tutto basato su un design responsive RWD. Si capirà come ottimizzare le proprie pagine in WordPress per avere una maggiore visibilità sui motori di ricerca. Si affronteranno le tecniche per mantenere il proprio sito sempre online e ridurre i pericoli di perdita dati. Il corso si rivolge a chi ha conoscenze di WordPress o ha già seguito il corso base e vuole migliorare la propria visibilità online. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 150 € in presenza | 120 € online
workshop
WEB DESIGN CON WORDPRESS - AVANZATO
07.06.21 - 10.06.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. WEB DESIGN CON WORDPRESS - AVANZATO: Come gestire al meglio WordPress per creare un sito professionalmente efficiente e funzionale Docente: Ylbert Durishti Un corso pratico e teorico per migliorare e gestire al meglio un sito web dinamico, partendo da un sito base con WordPress. Realizzare e gestire un sito web con WordPress può sembrare semplice, ma allo stesso tempo risultare complesso. Per andare online in maniera professionale servono delle competenze aggiuntive che trasformano una struttura basic, in un sito al pari di quelli creati da veri professionisti, capaci di coniugare l’anima creativa e del buon gusto con quella dell’esperienza di utilizzo – User Experience. Durante il corso si affronteranno questioni pratiche e i sistemi più avanzati basati sui migliori plugin premium, tra cui quelli che permettono di trasformare un sito in multi-language. Si vedrà come creare delle landing page per convertire i visitatori in lead, il tutto basato su un design responsive RWD. Si capirà come ottimizzare le proprie pagine in WordPress per avere una maggiore visibilità sui motori di ricerca. Si affronteranno le tecniche per mantenere il proprio sito sempre online e ridurre i pericoli di perdita dati. Il corso si rivolge a chi ha conoscenze di WordPress o ha già seguito il corso base e vuole migliorare la propria visibilità online. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 150 € in presenza | 120 € online
festival
SOUNDS OF GAIA
10.06.21 - 11.06.21
time : 21:00 - 23:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

THREES / JACOPO JENNA - SOUNDS OF GAIA

Dal 10 al 17 giugno, Threes presenta una sonorizzazione site-specific pensata per l'opera di Luke Jerram Gaia. La sonorizzazione darà forma ad un'esperienza multisensoriale a 360° gradi, immergendo lo spettatore in uno spazio di riflessione sul nostro rapporto con il pianeta Terra. Suono come agente di tridimensionalità, trasformando la narrazione bidimensionale e facendola entrare nel panorama immersivo creato da Luke Jerram. Suono come strumento per comunicare con la complessità del contemporaneo per quanto riguarda l'ecologia intesa nel suo termine più ampio: a livello emotivo, relazionale, produttivo, creativo.    In occasione dell'inaugurazione di FAROUT, il 10 e 11 giugno Threes presenta inoltre una performance pensata ad hoc per la sonorizzazione con il coreografo, performer e filmaker Jacopo Jenna, dove suono e movimento entreranno in sintonia. 

INFO

10 e 11 giugno, 21.00-23.00 (la performance avverrà in slot di mezz'ora in cui si potranno visitare anche le altre installazioni) | Biglietti >>> GROUND HALL / ROOM 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34  

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
WASHING HANDS
11.06.21 - 15.06.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea.  Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi. 

DAAN’T SAS / LOTTE VAN DEN BERG – WASHING HANDS 

Daan't Sas e Lotte van den Berg lavorano insieme dal 2014, con il nome di Building Conversation, sviluppando una piattaforma che si concentra sull'incontro tra arte, dialogo e società. La loro pratica include installazioni partecipative, performance, conversazioni e rappresentazioni teatrali, in cui lə partecipanti contribuiscono attivamente al processo.  La performance Washing Hands è un rituale progettato per aiutare a ristabilire un maggiore contatto fisico nello spazio pubblico. Passanti e visitatorə, che possono o meno conoscersi, sono invitatə a sedersi unə di fronte all'altrə in un lavabo centrale. Poi, procedendo a lavarsi le mani a vicenda con il sapone, i partecipanti stabiliscono un contatto fisico sicuro. Questo mezzo unico di contatto fisico ci incoraggia a parlarci in un modo piacevolmente nuovo e ci sfida a pensare a come la pandemia abbia trasformato il modo in cui comunichiamo. In che modo il distanziamento sociale e la mancanza di contatto fisico influiscono sulle nostre relazioni interpersonali e abilità sociali? Ci sta facendo diventare più distaccati dalla società o, al contrario, sta creando un nuovo tipo di norma sociale con un nuovo modo di essere connessi? 

INFO

11-14-15 giugno, 16:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> 12-13 giugno, 12:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> GROUND HALL - BASE Milano, via Bergognone 34  

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
SOUNDS OF GAIA
10.06.21 - 11.06.21
time : 21:00 - 23:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

THREES / JACOPO JENNA - SOUNDS OF GAIA

Dal 10 al 17 giugno, Threes presenta una sonorizzazione site-specific pensata per l'opera di Luke Jerram Gaia. La sonorizzazione darà forma ad un'esperienza multisensoriale a 360° gradi, immergendo lo spettatore in uno spazio di riflessione sul nostro rapporto con il pianeta Terra. Suono come agente di tridimensionalità, trasformando la narrazione bidimensionale e facendola entrare nel panorama immersivo creato da Luke Jerram. Suono come strumento per comunicare con la complessità del contemporaneo per quanto riguarda l'ecologia intesa nel suo termine più ampio: a livello emotivo, relazionale, produttivo, creativo.    In occasione dell'inaugurazione di FAROUT, il 10 e 11 giugno Threes presenta inoltre una performance pensata ad hoc per la sonorizzazione con il coreografo, performer e filmaker Jacopo Jenna, dove suono e movimento entreranno in sintonia. 

INFO

10 e 11 giugno, 21.00-23.00 (la performance avverrà in slot di mezz'ora in cui si potranno visitare anche le altre installazioni) | Biglietti >>> GROUND HALL / ROOM 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34  

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
WASHING HANDS
11.06.21 - 15.06.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea.  Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi. 

DAAN’T SAS / LOTTE VAN DEN BERG – WASHING HANDS 

Daan't Sas e Lotte van den Berg lavorano insieme dal 2014, con il nome di Building Conversation, sviluppando una piattaforma che si concentra sull'incontro tra arte, dialogo e società. La loro pratica include installazioni partecipative, performance, conversazioni e rappresentazioni teatrali, in cui lə partecipanti contribuiscono attivamente al processo.  La performance Washing Hands è un rituale progettato per aiutare a ristabilire un maggiore contatto fisico nello spazio pubblico. Passanti e visitatorə, che possono o meno conoscersi, sono invitatə a sedersi unə di fronte all'altrə in un lavabo centrale. Poi, procedendo a lavarsi le mani a vicenda con il sapone, i partecipanti stabiliscono un contatto fisico sicuro. Questo mezzo unico di contatto fisico ci incoraggia a parlarci in un modo piacevolmente nuovo e ci sfida a pensare a come la pandemia abbia trasformato il modo in cui comunichiamo. In che modo il distanziamento sociale e la mancanza di contatto fisico influiscono sulle nostre relazioni interpersonali e abilità sociali? Ci sta facendo diventare più distaccati dalla società o, al contrario, sta creando un nuovo tipo di norma sociale con un nuovo modo di essere connessi? 

INFO

11-14-15 giugno, 16:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> 12-13 giugno, 12:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> GROUND HALL - BASE Milano, via Bergognone 34  

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
USERS’ GUIDE FOR PLANET EARTH
12.06.21 - 12.06.21
time : 17:00 - 18:00
Dal 10 giugno al 24 luglio BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea.  Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi. 

LUIT - ZELDA SOUSSAN & RUGGERO FRANCESCHINI – USERS’ GUIDE FOR PLANET EARTH

Ruggero Franceschini e Zelda Soussan, rispettivamente fondatorə di Eunemesi e LUIT, due compagnie teatrali che si occupano di creare interventi artistici e performance partecipate in spazi pubblici, mettono in scena Terra - Istruzioni per l’uso. La performance site-responsive, ipotizza una condizione metereologica estrema e inaspettata in cui il pubblico avrà il compito di trovare soluzioni collettive e re-immaginare la vita quotidiana.    Users’ Guide for Planet Earth è un progetto in-progress: immaginato a Copenaghen nell'agosto 2020, Zelda e Ruggero hanno avuto la prima residenza di scrittura e performance design a Milano nel febbraio 2021, e continueranno a lavorare fra l’Italia, la Francia e il Belgio per finalizzarlo, fino al debutto nel 2023. All'interno di FAROUT il processo creativo sarà nelle mani del pubblico, testando pratiche partecipate, scenari di finzione climatica e testi, cercando di immaginare collettivamente il futuro del quartiere Giambellino.  La performance sarà ambientata nello spazio pubblico: piazza Tirana, luogo di ritrovo e passaggio del quartiere Giambellino. 

INFO

12 giugno, 17:00 - 18:00 | Per info e prenotazioni scrivere a >>> infofarout@base.milano.it Piazza Tirana, accanti alla fontana. Quartiere Giambellino  - Milano

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
WASHING HANDS
11.06.21 - 15.06.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea.  Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi. 

DAAN’T SAS / LOTTE VAN DEN BERG – WASHING HANDS 

Daan't Sas e Lotte van den Berg lavorano insieme dal 2014, con il nome di Building Conversation, sviluppando una piattaforma che si concentra sull'incontro tra arte, dialogo e società. La loro pratica include installazioni partecipative, performance, conversazioni e rappresentazioni teatrali, in cui lə partecipanti contribuiscono attivamente al processo.  La performance Washing Hands è un rituale progettato per aiutare a ristabilire un maggiore contatto fisico nello spazio pubblico. Passanti e visitatorə, che possono o meno conoscersi, sono invitatə a sedersi unə di fronte all'altrə in un lavabo centrale. Poi, procedendo a lavarsi le mani a vicenda con il sapone, i partecipanti stabiliscono un contatto fisico sicuro. Questo mezzo unico di contatto fisico ci incoraggia a parlarci in un modo piacevolmente nuovo e ci sfida a pensare a come la pandemia abbia trasformato il modo in cui comunichiamo. In che modo il distanziamento sociale e la mancanza di contatto fisico influiscono sulle nostre relazioni interpersonali e abilità sociali? Ci sta facendo diventare più distaccati dalla società o, al contrario, sta creando un nuovo tipo di norma sociale con un nuovo modo di essere connessi? 

INFO

11-14-15 giugno, 16:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> 12-13 giugno, 12:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> GROUND HALL - BASE Milano, via Bergognone 34  

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
event
Sunday Brunch w/ Nescafé
09.05.21 - 25.07.21
time : 12:30 - 15:00

Per avvicinarci all'estate nel nostro cortile post-industriale sempre più verde, ogni domenica mattina protagonista il brunch powered by Nescafé.

  Save the date con gli special brunch: 20 giugno - InCanto Ensemble: laboratorio musicale, una grande occasione di partecipazione da parte del pubblico di adulti e bambini. Accanto al repertorio di brani curato e studiato per i piccoli. 18 luglio - Psychophono: una selezione musicale in vinile dai paesi della coffee belt per entrare nel mood Cumbia Arabica - Brasile, Colombia, Ecuador. 19 settembre - Base Comedy: in prosa o in versi, il meglio che possa essere partorito dalla parte più prorompente del corpo umano: le nostre labbra. 03 ottobreLudosofici: il tavolo del brunch diventa lo strumento per far giocare adulti e bambini con diversi tipi di immaginario, attingendo al mondo della filosofia e della didattica dell'arte.   Il menù adulti (22€) comprende:
  • un piatto a scelta tra: - 2 uova in camicia con crostini di pane, prosciutto cotto e asiago - 2 uova fritte o strapazzate con crostini di pane e pancetta croccante - carpaccio di salmone marinato con crostini di pane e burro
  • insalata verde
  • pane toast
  • burro
  • marmellata
  • caffè americano Nescafé/ the caldo/ cioccolata calda
  • spremuta di arance biologice
  • un dolce a scelta tra: - muffin - torte della casa
Il menù bimbi (15€) prevede:
  • un piatto a scelta tra: - 1 uovo in camicia con crostini di pane, prosciutto cotto e asiago - 1 uovo fritto o strapazzato con crostini di pane e pancetta croccante
  • pane toast
  • burro
  • marmellata
  • latte/ cioccolata calda
  • succo di frutta
  • un dolce a scelta tra: - muffin - torte della casa
  È consigliata la prenotazione al numero 392 997 7049. Il Bistro di Base è diventato cashless, ma puoi scegliere come pagare tra bancomat, carta di credito, postepay, mobile app, wearable payment.
festival
WASHING HANDS
11.06.21 - 15.06.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea.  Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi. 

DAAN’T SAS / LOTTE VAN DEN BERG – WASHING HANDS 

Daan't Sas e Lotte van den Berg lavorano insieme dal 2014, con il nome di Building Conversation, sviluppando una piattaforma che si concentra sull'incontro tra arte, dialogo e società. La loro pratica include installazioni partecipative, performance, conversazioni e rappresentazioni teatrali, in cui lə partecipanti contribuiscono attivamente al processo.  La performance Washing Hands è un rituale progettato per aiutare a ristabilire un maggiore contatto fisico nello spazio pubblico. Passanti e visitatorə, che possono o meno conoscersi, sono invitatə a sedersi unə di fronte all'altrə in un lavabo centrale. Poi, procedendo a lavarsi le mani a vicenda con il sapone, i partecipanti stabiliscono un contatto fisico sicuro. Questo mezzo unico di contatto fisico ci incoraggia a parlarci in un modo piacevolmente nuovo e ci sfida a pensare a come la pandemia abbia trasformato il modo in cui comunichiamo. In che modo il distanziamento sociale e la mancanza di contatto fisico influiscono sulle nostre relazioni interpersonali e abilità sociali? Ci sta facendo diventare più distaccati dalla società o, al contrario, sta creando un nuovo tipo di norma sociale con un nuovo modo di essere connessi? 

INFO

11-14-15 giugno, 16:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> 12-13 giugno, 12:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> GROUND HALL - BASE Milano, via Bergognone 34  

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
workshop
CLUB DEL DISEGNO_ Disegno a matita
14.06.21 - 14.06.21
time : 17:00 - 20:00
Workshop dal vivo a cura di SUPER Scuola Superiore di Arti Applicate con Maurizio Andreolli Programma Un corso agile, un aperitivo artistico per imparare cose si può fare con una matita di grafite, un foglio e qualche piccolo consiglio. Sei ore per approcciarsi al disegno partendo dall'oggetto degli oggetti: il corpo umano. Capirne i volumi, le forme, le ombre. Trovare le proporzioni di un volto, la geometria di una mano. Imparare il disegno attraverso la rappresentazione dell'anatomia. Un corso per tutti, per iniziare, migliorare, vedere. In piena sicurezza negli spazi di Base Milano. Materiali richiesti Fogli, matita e gomma. Prezzo 40€ Iscrivendosi a due o più workshop del Club del Disegno il prezzo di ciascun corso viene scontato di 15€. L'offerta è valida anche per iscrizioni multiple allo stesso workshop. Info e iscrizioni
festival
WASHING HANDS
11.06.21 - 15.06.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea.  Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi. 

DAAN’T SAS / LOTTE VAN DEN BERG – WASHING HANDS 

Daan't Sas e Lotte van den Berg lavorano insieme dal 2014, con il nome di Building Conversation, sviluppando una piattaforma che si concentra sull'incontro tra arte, dialogo e società. La loro pratica include installazioni partecipative, performance, conversazioni e rappresentazioni teatrali, in cui lə partecipanti contribuiscono attivamente al processo.  La performance Washing Hands è un rituale progettato per aiutare a ristabilire un maggiore contatto fisico nello spazio pubblico. Passanti e visitatorə, che possono o meno conoscersi, sono invitatə a sedersi unə di fronte all'altrə in un lavabo centrale. Poi, procedendo a lavarsi le mani a vicenda con il sapone, i partecipanti stabiliscono un contatto fisico sicuro. Questo mezzo unico di contatto fisico ci incoraggia a parlarci in un modo piacevolmente nuovo e ci sfida a pensare a come la pandemia abbia trasformato il modo in cui comunichiamo. In che modo il distanziamento sociale e la mancanza di contatto fisico influiscono sulle nostre relazioni interpersonali e abilità sociali? Ci sta facendo diventare più distaccati dalla società o, al contrario, sta creando un nuovo tipo di norma sociale con un nuovo modo di essere connessi? 

INFO

11-14-15 giugno, 16:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> 12-13 giugno, 12:00 - 20:00 (le performance avverranno in slot da mezz'ora e il rituale prevede la presenza di due persone a slot) | Biglietti >>> GROUND HALL - BASE Milano, via Bergognone 34  

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
BASE Comedy
BASE Comedy w/ Edoardo Confuorto
15.06.21 - 15.06.21
time : 21:00

Una piazzetta estiva, un palco con un albero in mezzo, un microfono. Per inaugurare l'apertura dello Stabilimento Estivo BASE, torna BASE Comedy con Edoardo Confuorto. Fondatore del gruppo di stand up comedy milanese Melamarcia, ha partecipato a “Natural Born Comedians” e “Stand Up Comedy” su Comedy Central. Con il suo stile informale, Confuorto racconta la sua quotidianità in maniera disincantata e pungente.

Edoardo Confuorto porta sul palco il suo live show “Giuro non è come sembra”, uno spettacolo catartico che funziona meglio di una seduta dall’analista.

BASE COMEDY: i Martedì dello Stabilimento Estivo BASE Ogni martedì dal palco dello STABILIMENTO ESTIVO BASE scaturiscono parole, parole, parole. Poeti post-punk, neo-scapigliati, post-futuristi, rapper, predicatori millenaristi prendono la parola in serate open mic e spettacoli di stand up comedy. In prosa o in versi, il meglio che possa essere partorito dalla parte più prorompente del corpo umano: le nostre labbra. In collaborazione con Aguilar.

Prossimi appuntamenti > Clara Campi (13 luglio), Matteo Fallica (27 luglio), Alessandro Ciacci (19 settembre) e le serate Open Mic (22 giugno, 20 luglio, 3 agosto)

Info Giuro non è come sembra, di e con Edoardo Confuorto Martedì 15 giugno h 21.00

Ingresso libero con prenotazione su Eventbrite

festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
concert
Jazzoteca w/ Dario Napoli Trio
16.06.21 - 16.06.21
time : 19:30

Un viaggio nel panorama jazzistico milanese. Sul palco dello Stabilimento Estivo BASE, protagonista la musica dal vivo e le sonorità jazz.

Ogni mercoledì torna Jazzoteca, format prodotto insieme a E20e30.

Info: Ingresso libero con prenotazione. Consumazione obbligatoria. Se vieni con amic* prenota il numero di posti corrispondenti , preparemo il tavolo.

Questo evento è parte dello Stabilimento Estivo BASE. Scopri tutto il programma > 

festival
BENDING BORDERS
17.06.21 - 17.06.21
time : 14:00 - 18:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

EFFETTO LARSEN - BENDING BORDERS

Effetto Larsen nasce nel 2007 come compagnia teatrale fondata da Matteo Lanfranchi, direttore artistico. La compagnia ha da sempre al centro del suo lavoro le relazioni umane, che indaga attraverso un approccio multidisciplinare e site-specific sviluppando progetti di arte partecipativa che mettono in discussione il rapporto tradizionale con il pubblico, coinvolgendolo come parte del processo creativo stesso.  Bending Borders si propone di affrontare il tema dello sviluppo dei pregiudizi. Cosa ci fa percepire lə “altrə” come tali? Cosa servirebbe per farci cambiare idea? Bending Borders mira a sviluppare la consapevolezza del funzionamento dei pregiudizi e la capacità di metterli in discussione, a innescare uno spazio di confronto e dialogo con la partecipazione attiva del pubblico, per allenarsi a cambiare punto di vista.  All'interno di FAROUT Effetto Larsen presenta una tappa di ricerca del lavoro sotto forma di workshop aperto a tuttə. 

INFO

Per partecipare non sono necessari particolari requisiti, non occorre essere attorə/performer professionistə: basta essere curiosə, disponibilə all'ascolto, e prontə a mettersi in discussione. Max 20 partecipanti 17 giugno, 13.00-16.00 Room 2100 - BASE Milano, via Bergognone 34 Info e iscrizioni >>> entro il 15 giugno scrivendo a infofarout@base.milano.it   Credits  Concept e direzione artistica // Matteo Lanfranchi Assistenza alla direzione artistica // Laura Dondi Sound Design // Roberto Rettura  Organizzazione // Isadora Bigazzi Promozione e management // Vittoria Lombardi - cultureandprojects con il sostegno di Base Milano (IT), La Strada (Austria) 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
talk
Sono Qui _ talk w/ Fernando Cobelo e Sumaya Abdel Qader
17.06.21 - 17.06.21
time : 18:30

Era settembre 2010 quando, con un volo di sola andata, Fernando Cobelo lasciava il Venezuela e arrivava in Italia per la prima volta. Sono qui, usando le parole dell’autore, vuole omaggiare il Paese che l’ha fatto diventare la persona che è oggi. Un libro interamente ideato, prodotto e illustrato da Cobelo, a partire da 10 storie di stranieri in Italia.

La presentazione si inserisce nella rassegna ideata dal MUDEC Milano città mondo #remix, e avrà luogo sul palco nel cortile di BASE Milano, all'interno della programmazione Stabilimento Estivo.

A presentare il lavoro di Fernando Cobelo e dialogare con lui, in questo appuntamento curato da NOI libreria, Sumaya Abdel Qader, politica e scrittrice.

Giovedì 17 giugno h 18.30

Ingresso libero* su Eventbrite, consumazione obbligatoria

Per agevolare la gestione e il corretto distanziamento, vi chiediamo di prenotare secondo il numero di persone che si siedono allo stesso tavolo.

*la percentuale di drop out dell'ultimo minuto negli incontri gratuiti supera ormai il 50% ma a noi le sedie vuote non piacciono, soprattutto in un momento di difficile gestione (questioni di sicurezza anti-Covid e pochi posti a disposizione). Aiutaci a non lasciare né sedie vuote, né persone in lista d'attesa né artist* senza pubblico: prenota il posto quando sei certo di poter venire e cancellalo se cambi programma. Grazie da parte di tutto il team

festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
VINYL VIBES
18.06.21 - 03.09.21
time : 20:00
Good vibes, suoni caldi e profondi, quell’iconico graffiato. Che sia soul, funk, rocksteady, psichedelia, elettronica, rock, i venerdì dello Stabilimento Estivo BASE hanno sempre un sound molto groovy ma allo stesso tempo rilassato, ideale ad adattarsi in situazioni di ascolto come di “non ballo”. In consolle, dal nostro palco con albero, le collezioni di vinili di: Luca Barcellona WAX UP! (18 giugno - 23 luglio - 3 settembre), Soulfinger (16 luglio - 13 agosto), Psychophono (2 luglio - 30 luglio - 20 agosto) e Matteo ‘Rufus’ Guastoni, aka Rufetti (9 luglio - 6 agosto - 27 agosto). Tutti i venerdì estivi dalle 20 Accesso libero, consigliata la prenotazione 3929977049
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
workshop
CLUB DEL DISEGNO_ Instant symphony
19.06.21 - 19.06.21
time : 14:00 - 17:00
Workshop dal vivo a cura di SUPER Scuola Superiore di Arti Applicate con Virginia Sutera. Programma Voci, mani e strumenti musicali diventano gli elementi fondamentali per comporre assieme un brano. Tutti possono partecipare, sia chi già suona sia chi ha voglia di mettersi in gioco e non ha mai suonato uno strumento! Cosa avrò prodotto alla fine del corso Un brano musicale e un video della performance. Materiali richiesti Nessuno Prezzo 40 € Iscrivendosi a due o più workshop del Club del Disegno il prezzo di ciascun corso viene scontato di 15€. L'offerta è valida anche per iscrizioni multiple allo stesso workshop. Info e iscrizioni
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
event
Sunday Brunch w/ Nescafé
09.05.21 - 25.07.21
time : 12:30 - 15:00

Per avvicinarci all'estate nel nostro cortile post-industriale sempre più verde, ogni domenica mattina protagonista il brunch powered by Nescafé.

  Save the date con gli special brunch: 20 giugno - InCanto Ensemble: laboratorio musicale, una grande occasione di partecipazione da parte del pubblico di adulti e bambini. Accanto al repertorio di brani curato e studiato per i piccoli. 18 luglio - Psychophono: una selezione musicale in vinile dai paesi della coffee belt per entrare nel mood Cumbia Arabica - Brasile, Colombia, Ecuador. 19 settembre - Base Comedy: in prosa o in versi, il meglio che possa essere partorito dalla parte più prorompente del corpo umano: le nostre labbra. 03 ottobreLudosofici: il tavolo del brunch diventa lo strumento per far giocare adulti e bambini con diversi tipi di immaginario, attingendo al mondo della filosofia e della didattica dell'arte.   Il menù adulti (22€) comprende:
  • un piatto a scelta tra: - 2 uova in camicia con crostini di pane, prosciutto cotto e asiago - 2 uova fritte o strapazzate con crostini di pane e pancetta croccante - carpaccio di salmone marinato con crostini di pane e burro
  • insalata verde
  • pane toast
  • burro
  • marmellata
  • caffè americano Nescafé/ the caldo/ cioccolata calda
  • spremuta di arance biologice
  • un dolce a scelta tra: - muffin - torte della casa
Il menù bimbi (15€) prevede:
  • un piatto a scelta tra: - 1 uovo in camicia con crostini di pane, prosciutto cotto e asiago - 1 uovo fritto o strapazzato con crostini di pane e pancetta croccante
  • pane toast
  • burro
  • marmellata
  • latte/ cioccolata calda
  • succo di frutta
  • un dolce a scelta tra: - muffin - torte della casa
  È consigliata la prenotazione al numero 392 997 7049. Il Bistro di Base è diventato cashless, ma puoi scegliere come pagare tra bancomat, carta di credito, postepay, mobile app, wearable payment.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
workshop
FONDAMENTI DI SOCIAL MEDIA MARKETING
21.06.21 - 24.06.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. FONDAMENTI DI SOCIAL MEDIA MARKETING: Tecniche e trucchi per costruire una Web Identity Docente: Giulia Capodieci Saper utilizzare sapientemente i canali social è un requisito fondamentale per raggiungere un pubblico sempre più mirato e per consolidare la propria reputazione online. Per far un uso strategico dei social è necessario comprenderli nella loro complessità e per questo vanno inquadrati in un orizzonte più vasto: quello della comunicazione digitale, i cui strumenti e tecniche saranno parte integrante del corso. Si racconterà quali sono gli elementi essenziali che definiscono una comunicazione online e sui social efficace, si studieranno i trucchi del mestiere per costruire una web identity coerente in grado di far acquisire credibilità agli occhi del pubblico della rete, poiché obiettivo finale di una buona comunicazione digitale è saper coinvolgere gli utenti utilizzando i contenuti più adatti alle diverse piattaforme, dal blog ai social network. Questo corso è complementare a Raccontare sui Social Media tenuto dalla stessa docente, Giulia Capodieci. Il corso si rivolge a chi ha un’attività in proprio e vuole promuoversi online utilizzando un blog e i social network, oppure a chi lavora in azienda o in una piccola e media impresa ed è incaricato della gestione dei social. Le lezioni saranno supportate da proiezioni ed esercitazioni in aula. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 100 € in presenza | 85 € online
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
workshop
FONDAMENTI DI SOCIAL MEDIA MARKETING
21.06.21 - 24.06.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. FONDAMENTI DI SOCIAL MEDIA MARKETING: Tecniche e trucchi per costruire una Web Identity Docente: Giulia Capodieci Saper utilizzare sapientemente i canali social è un requisito fondamentale per raggiungere un pubblico sempre più mirato e per consolidare la propria reputazione online. Per far un uso strategico dei social è necessario comprenderli nella loro complessità e per questo vanno inquadrati in un orizzonte più vasto: quello della comunicazione digitale, i cui strumenti e tecniche saranno parte integrante del corso. Si racconterà quali sono gli elementi essenziali che definiscono una comunicazione online e sui social efficace, si studieranno i trucchi del mestiere per costruire una web identity coerente in grado di far acquisire credibilità agli occhi del pubblico della rete, poiché obiettivo finale di una buona comunicazione digitale è saper coinvolgere gli utenti utilizzando i contenuti più adatti alle diverse piattaforme, dal blog ai social network. Questo corso è complementare a Raccontare sui Social Media tenuto dalla stessa docente, Giulia Capodieci. Il corso si rivolge a chi ha un’attività in proprio e vuole promuoversi online utilizzando un blog e i social network, oppure a chi lavora in azienda o in una piccola e media impresa ed è incaricato della gestione dei social. Le lezioni saranno supportate da proiezioni ed esercitazioni in aula. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 100 € in presenza | 85 € online
BASE Comedy
BASE Comedy _ Open MIC
22.06.21 - 03.08.21
time : 21:00

Un palco, un microfono, un riflettore, un pubblico pronto farti a pezzi. O a osannarti. Nel cortile di BASE Milano protagoniste le voci e le parole. Poeti post-punk, neo-scapigliati, post-futuristi e comedian prendono il microfono.

MC della serata Edoardo Confuorto aprirà le danze e poi 6 selezionatissim* performer si esibiranno sul palco. Dieci minuti a testa per mostrare la loro bravura. In collaborazione con Aguilar.

Le date:

Martedì 22 giugno h 20.00

Martedì 20 luglio h 20.00

Martedì 3 agosto h 20.00

PER SALIRE SUL PALCO: Inviate una mail a comedy@base.milano.it oggetto: OPEN MIC 2021 con nome, cognome, telefono, mail e un video di voi sul palco, specificare la data scelta.

PER GODERSI LA SERATA: Ingresso libero, con prenotazione su Eventbrite.

festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
concert
Jazzoteca w/ Bolla Trio
23.06.21 - 23.06.21
time : 19:30
Un viaggio nel panorama jazzistico milanese. Sul palco dello Stabilimento Estivo BASE, protagonista la musica dal vivo e le sonorità jazz. Ogni mercoledì torna Jazzoteca, format prodotto insieme a E20e30.
Sul palco: Bolla Trio, al secolo Niccolò Bonavita detto “Bolla”, contrabbassista e fondatore del gruppo. Il repertorio della formazione si ispira alla black music e alle sonorità del jazz contemporaneo con ampio spazio all’improvvisazione.
23 giugno dalle 19.30
Ingresso libero, prenotazione consigliata: 392 9977049 Info >>> https://base.milano.it/bar/
Questo evento è parte dello Stabilimento Estivo BASE. Scopri tutto il programma > https://base.milano.it/estate/
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
talk
Il colore della scena w/ Shi Yang Shi e Bintou Ouattara
24.06.21 - 24.06.21
time : 18:30

Cosa succede quando si è l'unica persona non bianca sotto i riflettori?

L’attore Shi Yang Shi e l’attrice Bintou Ouattara dialogano con Alberto Lasso sugli stereotipi che colpiscono i professionisti di origine non italiana nel mondo del cinema, della televisione e del teatro. Un talk performativo che approfondisce i temi del progetto Performing Italy - Sette video ritratti di artisti dal background migratorio nel teatro contemporaneo italiano (http://bit.ly/PerformingItaly).

Giovedì 24 giugno h 18.30

Ingresso libero con prenotazione Eventbrite*, consumazione obbligatoria

Per agevolare la gestione e il corretto distanziamento, vi chiediamo di prenotare secondo il numero di persone che si siedono allo stesso tavolo.

*la percentuale di drop out dell'ultimo minuto negli incontri gratuiti supera ormai il 50% ma a noi le sedie vuote non piacciono, soprattutto in un momento di difficile gestione (questioni di sicurezza anti-Covid e pochi posti a disposizione). Aiutaci a non lasciare né sedie vuote, né persone in lista d'attesa né artist* senza pubblico: prenota il posto quando sei certo di poter venire e cancellalo se cambi programma. Grazie da parte di tutto il team

workshop
FONDAMENTI DI SOCIAL MEDIA MARKETING
21.06.21 - 24.06.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. FONDAMENTI DI SOCIAL MEDIA MARKETING: Tecniche e trucchi per costruire una Web Identity Docente: Giulia Capodieci Saper utilizzare sapientemente i canali social è un requisito fondamentale per raggiungere un pubblico sempre più mirato e per consolidare la propria reputazione online. Per far un uso strategico dei social è necessario comprenderli nella loro complessità e per questo vanno inquadrati in un orizzonte più vasto: quello della comunicazione digitale, i cui strumenti e tecniche saranno parte integrante del corso. Si racconterà quali sono gli elementi essenziali che definiscono una comunicazione online e sui social efficace, si studieranno i trucchi del mestiere per costruire una web identity coerente in grado di far acquisire credibilità agli occhi del pubblico della rete, poiché obiettivo finale di una buona comunicazione digitale è saper coinvolgere gli utenti utilizzando i contenuti più adatti alle diverse piattaforme, dal blog ai social network. Questo corso è complementare a Raccontare sui Social Media tenuto dalla stessa docente, Giulia Capodieci. Il corso si rivolge a chi ha un’attività in proprio e vuole promuoversi online utilizzando un blog e i social network, oppure a chi lavora in azienda o in una piccola e media impresa ed è incaricato della gestione dei social. Le lezioni saranno supportate da proiezioni ed esercitazioni in aula. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 100 € in presenza | 85 € online
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
VINYL VIBES
18.06.21 - 03.09.21
time : 20:00
Good vibes, suoni caldi e profondi, quell’iconico graffiato. Che sia soul, funk, rocksteady, psichedelia, elettronica, rock, i venerdì dello Stabilimento Estivo BASE hanno sempre un sound molto groovy ma allo stesso tempo rilassato, ideale ad adattarsi in situazioni di ascolto come di “non ballo”. In consolle, dal nostro palco con albero, le collezioni di vinili di: Luca Barcellona WAX UP! (18 giugno - 23 luglio - 3 settembre), Soulfinger (16 luglio - 13 agosto), Psychophono (2 luglio - 30 luglio - 20 agosto) e Matteo ‘Rufus’ Guastoni, aka Rufetti (9 luglio - 6 agosto - 27 agosto). Tutti i venerdì estivi dalle 20 Accesso libero, consigliata la prenotazione 3929977049
workshop
CLUB DEL DISEGNO_ Stampa su tessuto
26.06.21 - 26.06.21
time : 10:00 - 17:00
Workshop dal vivo a cura di SUPER Scuola Superiore di Arti Applicate con Francesca Dainotto. Programma Nel laboratorio di incisione e stampa block printing si apprendono i rudimenti dell’incisione su gomma, sperimentando e giocando con forme semplici e complesse. Si imparerà ad intagliare la gomma e a stamparla con la tenica a blockprint su tessuto, personalizzando la propria shopper!-astuccio! Materiali richiesti Materiale da cancelleria + kit preparato dalla docente. Prezzo 75€ Iscrivendosi a due o più workshop del Club del Disegno il prezzo di ciascun corso viene scontato di 15€. L'offerta è valida anche per iscrizioni multiple allo stesso workshop. Info e iscrizioni
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 12:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
event
Sunday Brunch w/ Nescafé
09.05.21 - 25.07.21
time : 12:30 - 15:00

Per avvicinarci all'estate nel nostro cortile post-industriale sempre più verde, ogni domenica mattina protagonista il brunch powered by Nescafé.

  Save the date con gli special brunch: 20 giugno - InCanto Ensemble: laboratorio musicale, una grande occasione di partecipazione da parte del pubblico di adulti e bambini. Accanto al repertorio di brani curato e studiato per i piccoli. 18 luglio - Psychophono: una selezione musicale in vinile dai paesi della coffee belt per entrare nel mood Cumbia Arabica - Brasile, Colombia, Ecuador. 19 settembre - Base Comedy: in prosa o in versi, il meglio che possa essere partorito dalla parte più prorompente del corpo umano: le nostre labbra. 03 ottobreLudosofici: il tavolo del brunch diventa lo strumento per far giocare adulti e bambini con diversi tipi di immaginario, attingendo al mondo della filosofia e della didattica dell'arte.   Il menù adulti (22€) comprende:
  • un piatto a scelta tra: - 2 uova in camicia con crostini di pane, prosciutto cotto e asiago - 2 uova fritte o strapazzate con crostini di pane e pancetta croccante - carpaccio di salmone marinato con crostini di pane e burro
  • insalata verde
  • pane toast
  • burro
  • marmellata
  • caffè americano Nescafé/ the caldo/ cioccolata calda
  • spremuta di arance biologice
  • un dolce a scelta tra: - muffin - torte della casa
Il menù bimbi (15€) prevede:
  • un piatto a scelta tra: - 1 uovo in camicia con crostini di pane, prosciutto cotto e asiago - 1 uovo fritto o strapazzato con crostini di pane e pancetta croccante
  • pane toast
  • burro
  • marmellata
  • latte/ cioccolata calda
  • succo di frutta
  • un dolce a scelta tra: - muffin - torte della casa
  È consigliata la prenotazione al numero 392 997 7049. Il Bistro di Base è diventato cashless, ma puoi scegliere come pagare tra bancomat, carta di credito, postepay, mobile app, wearable payment.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
workshop
Disegno botanico_Il Club del Disegno
28.06.21 - 28.06.21
time : 17:00 - 21:00
Nella cornice dello Stabilimento Estivo BASE ospitiamo il Club del Disegno di SUPER – Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco. Un luogo speciale dove stare bene assieme, disegnando con altre persone che condividono la nostra stessa passione.
DISEGNO BOTANICO Si approfondisce l'illustrazione scientifica e naturalistica attraverso la composizione di ambienti,  alberi, il ritratto di animali, indagando la strutture della natura nei suoi piccoli e grandi universi. I disegni verranno realizzati in diverse tecniche quali grafite, china, acquarello e matite colorate in modo che ogni allievo possa trovare lo stile a lui più congeniale. Quali strumenti? Matite di grafite e colorate, sfumini, pennelli, carte, acquerelli tradizionali, ecoline e chine per poter scegliere di volta in volta i materiali più idonei. Che cosa imparo? Si imparano le tecniche del disegno finalizzate all'illustrazione scientifica sviluppando il corretto spirito di osservazione necessario. A che cosa serve? L'arte naturalistica oltre alla valenza estetica, ci dona uno spazio di grande armonia e benessere attraverso l'osservazione e la contemplazione del soggetto da ritrarre e ci permette di entrare in un profondo contatto con noi stessi e la terra. Prezzo 40 € Iscrivendosi a due o più workshop del Club del Disegno il prezzo di ciascun corso viene scontato di 15€. L'offerta è valida anche per iscrizioni multiple allo stesso workshop.
Info 28 giugno, 17.00 - 21.00 Costo: Tutti i workshop online costano 40 euro. Per leggere il programma completo e iscriversi ai workshop >>> scuolaarteapplicata.it/super/corsi/club-del-disegno
workshop
RACCONTARE SUI SOCIAL MEDIA
28.06.21 - 01.07.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. RACCONTARE SUI SOCIAL MEDIA: Far emergere l’identità del proprio progetto online Docente: Giulia Capodieci Essere presenti sui social per intessere un dialogo con il nostro pubblico. Il corso propone strumenti e strategie di storytelling, ma non solo, per far emergere l’identità del proprio progetto attraverso lo sviluppo di filoni narrativi. Il corso si articola su un livello teorico ed uno pratico, ovvero attraverso una riflessione sul funzionamento attuale dei social network, l’analisi di case history e un’esercitazione pratica. Questo corso è complementare a Fondamenti di Social Media Marketing tenuto dalla stessa docente, Giulia Capodieci. Il corso si rivolge a chi ha un progetto e vuole approfondire meglio le possibilità date dalla comunicazione digitale, ma anche a chi si occupa già di comunicazione, gestisce canali social e vuole aggiornarsi. Consigliato per chi ha una preparazione media o per i professionisti che vogliono rinfrescarsi le idee con approcci diversi e una raccolta di case history. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 100 € in presenza | 85 € online
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
workshop
RACCONTARE SUI SOCIAL MEDIA
28.06.21 - 01.07.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. RACCONTARE SUI SOCIAL MEDIA: Far emergere l’identità del proprio progetto online Docente: Giulia Capodieci Essere presenti sui social per intessere un dialogo con il nostro pubblico. Il corso propone strumenti e strategie di storytelling, ma non solo, per far emergere l’identità del proprio progetto attraverso lo sviluppo di filoni narrativi. Il corso si articola su un livello teorico ed uno pratico, ovvero attraverso una riflessione sul funzionamento attuale dei social network, l’analisi di case history e un’esercitazione pratica. Questo corso è complementare a Fondamenti di Social Media Marketing tenuto dalla stessa docente, Giulia Capodieci. Il corso si rivolge a chi ha un progetto e vuole approfondire meglio le possibilità date dalla comunicazione digitale, ma anche a chi si occupa già di comunicazione, gestisce canali social e vuole aggiornarsi. Consigliato per chi ha una preparazione media o per i professionisti che vogliono rinfrescarsi le idee con approcci diversi e una raccolta di case history. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 100 € in presenza | 85 € online
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 22:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 22:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
workshop
RACCONTARE SUI SOCIAL MEDIA
28.06.21 - 01.07.21
time : 19:00 - 22:00
NON Riservato in partnership con BASE Milano presenta la 6^ edizione di LEZIONI NON RISERVATE. Progettare, Fare e Comunicare: pratiche e strumenti. Un ciclo formativo ideale per progettisti, creativi, associazioni, ma anche singoli o gruppi che vogliono acquisire ed ampliare conoscenze e competenze trasversali in materia di Progettazione, Digital Marketing e Comunicazione. Le lezioni si terranno in modalità mista, a seconda delle necessità di ognuno e in considerazione della situazione sanitaria generale. In presenza saranno ambientati nelle aule di formazione dell'hub creativo BASE Milano. RACCONTARE SUI SOCIAL MEDIA: Far emergere l’identità del proprio progetto online Docente: Giulia Capodieci Essere presenti sui social per intessere un dialogo con il nostro pubblico. Il corso propone strumenti e strategie di storytelling, ma non solo, per far emergere l’identità del proprio progetto attraverso lo sviluppo di filoni narrativi. Il corso si articola su un livello teorico ed uno pratico, ovvero attraverso una riflessione sul funzionamento attuale dei social network, l’analisi di case history e un’esercitazione pratica. Questo corso è complementare a Fondamenti di Social Media Marketing tenuto dalla stessa docente, Giulia Capodieci. Il corso si rivolge a chi ha un progetto e vuole approfondire meglio le possibilità date dalla comunicazione digitale, ma anche a chi si occupa già di comunicazione, gestisce canali social e vuole aggiornarsi. Consigliato per chi ha una preparazione media o per i professionisti che vogliono rinfrescarsi le idee con approcci diversi e una raccolta di case history. Scopri di più Per info e iscrizioni scrivere a formazione@nonriservato.net Quota di partecipazione: 100 € in presenza | 85 € online
festival
GLI ALTRI لخرين
01.07.21 - 01.07.21
time : 21:00 - 22:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

CORPS CITOYEN - GLI ALTRI لخرين

Corps Citoyen è un collettivo artistico pluridisciplinare basato tra Tunisi e Milano. La pratica del collettivo si compone di diversi strumenti disciplinari (danza, teatro, poesia, video, animazione, scrittura e ricerca antropologica) per creare nuove narrazioni contemporanee. L'obiettivo del gruppo è quello di rafforzare i valori della cittadinanza attraverso la pratica artistica, la formazione, la ricerca e la partecipazione attiva nella società civile e attivare la riflessione sociale attraverso le potenzialità espressive dell'arte e del corpo in particolare, territorio di una battaglia biopolitica e spazio per una resistenza creativa. Dall'esperienza di Corps Citoyen nasce a Milano nel 2020 il centro d'arte partecipata decoloniale Milano Mediterranea.  La performance GLI ALTRI لخرین , è un dialogo acido sulla percezione dell'Altro, un dispositivo scenico rivelato che si muove in un territorio ibrido: immagini e canzoni banali, volgari e dirette si alternano a storie radicate nel profondo della nostra mentalità e identità occidentale. In sottile equilibrio tra finzione e realtà, GLI ALTRI لخرین espone il dispositivo di potere che sottende la rappresentazione orientalista dell’Altro e interroga la natura politica dei corpi nella loro stessa presenza e posizionamento all’interno della rappresentazione. Definire chi parla e lo spazio autoriale che occupa sono temi centrali di una pratica performativa che si vuole contemporanea e politica. 

INFO

1 luglio, 21.00-22.00  Biglietti >>> Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34   Credits con | Rabii Brahim, Marko Bukaqeja, Anja Dimitrijevic; spazio scenico | Manuel D'Onofrio, Paola Villani luci e video | Manuel D'Onofrio drammaturgia | Bruna Bonanno costumi | Salah Barka sartoria di scena | Serpica Naro cultural advisor | Viviana Gravano regia | Anna Serlenga promozione e sviluppo | Vittoria Lombardi - cultureandprojects   Con il sostegno di ZONA K (IntercettAzioni); mare culturale urbano; Qui e Ora residenza teatrale; COX 18; Base Milano; Tatwerk Performative Forschung; Santarcangelo festival   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
GAIA
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

LUKE JERRAM - GAIA

Gaia è un'opera d'arte itinerante dell'artista britannico Luke Jerram. Un’installazione del diametro di 6 metri, sospesa e illuminata dall’interno, che presenta immagini NASA dettagliate a 120 dpi della superficie terrestre. Gaia offre l'opportunità di vedere il nostro pianeta fluttuare in tre dimensioni e di sperimentare il cosiddetto Overview Effect, descritto per la prima volta dall'autore Frank White nel 1987, percepito da moltə astronautə guardando la Terra dallo spazio per la prima volta. Un cambio di prospettiva che lascia un senso di estasi per il pianeta, accompagnato da una profonda comprensione dell'interconnessione di tutti gli esseri viventi e un rinnovato senso di responsabilità nei confronti della cura dell'ambiente.  L’opera è anche uno specchio del periodo che stiamo vivendo. Alla luce della pandemia di COVID-19, Gaia fornisce una nuova prospettiva sul nostro posto nel Pianeta Terra: la consapevolezza che tutte le comunità sono interconnesse e della responsabilità che abbiamo di prenderci cura l’unə dell’altrə.  La pratica multidisciplinare di Luke Jerram prevede la creazione di sculture, installazioni e progetti di arti dal vivo. Vive nel Regno Unito ma lavora a livello internazionale dal 1997, Jerram ha creato una serie di straordinari progetti artistici che hanno entusiasmato e ispirato persone in tutto il mondo. Le sue diverse narrazioni che si sviluppano in parallelo vanno a comporre la sua pratica artistica. È conosciuto in tutto il mondo per le sue opere d'arte pubbliche su larga scala.   

FORESTAMI

Fino al 24 giugno, il panorama immersivo di Luke Jerram sarà circondato da una vera e propria foresta; gli alberi che la ricreano – donati da Vivaio Mati 1909 - saranno successivamente donati a Forestami, progetto basato su una ricerca del Politecnico di Milano, realizzata grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani e promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia - ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus, Fondazione Comunitaria Nord Milano, Fondazione Comunitaria del Ticino Olona, Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca. Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030, per pulire l’aria, migliorare la vita della grande Milano e contrastare gli effetti del cambiamento climatico.   

INFO

Dal 10 giugno. L'installazione sarà visibile fino al 12 settembre* | Ingresso libero Ground Hall - BASE Milano, via Bergognone 34 *Gaia sarà chiusa al pubblico il 25 luglio per la rimozione degli alberi e la loro messa a dimora in collaborazione con Forestami. Il 26 e 27 luglio Gaia sarà aperta al pubblico tramite la prenotazione dei concerti di PianoCity che si terranno nello spazio dell'installazione.  Credits Accanto alla scultura viene riprodotta una sonorizzazione appositamente realizzata dal compositore vincitore del premio BAFTA Dan Jones. Gaia è stata creata in collaborazione con il Natural Environment Research Council (NERC), Bluedot e la UK Association for Science and Discovery Centers.   

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
festival
CORPI
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

NONE COLLECTIVE - CORPI

L’ordine digitale toglie peso alle cose. Un corpo mi contrasta con la sua massa e il suo tempo, oppone resistenza essendo altro da me. Il distacco tra l’informazione e la materia è sempre più doloroso. L’informazione, la tecnologia, la finanza, il capitale hanno un ritmo veloce, accelerato, mentre la materia inerte o organica ha tempi costanti e più lunghi. In un quadro di continua ibridazione e distribuzione della materia, nuovi corpi prendono vita, formando un arcipelago di diverse forme di vita mutevoli. La vita organica incontra quella inorganica, computazionale, elettronica, programmata, emergente, ecosistemica.  CORPI invitia umani e non umani in un mondo materiale emergente, in uno stato meditativo in cui i nostri recettori sono più aperti a stimoli esterni ed interni. Uno stato in cui la soggettività singolare viene momentaneamente abbandonata per incontrare altri soggetti materiali.  La mostra è composta da 4 installazioni, due esperienze immersive e una selezione di tele, stampe ed immagini.  NONE Collective è un collettivo artistico che si muove sul confine tra arte, design e Tecnologia. NONE sviluppa progetti transmediali sulla condizione contemporanea dell’essere nella società digitale. Il collettivo usa la tecnologia, l’architettura e la narrativa per catturare le persone in esperienze che interpretano gli eterni dilemmi dell’umanità, racconti che affrontano l’incertezza di domande senza risposta, la confusione del distinguere autenticità e finzione. 

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Corpi rimarrà chiusa al pubblico il 9 luglio. Il 1 luglio sarà aperta fino alle 20 mentre l'8 luglio fino alle 18.

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.  
festival
A PORTRAIT WITHOUT BORDERS
11.06.21 - 24.07.21
time : 16:00 - 20:00
Dal 10 giugno al 24 luglio 2021 BASE presenta la prima edizione di FAROUT, festival dedicato alla creazione contemporanea. Performance, installazioni e panorami immersivi in cerca di nuovi punti di vista. Un viaggio per osservare la terra e i suoi organismi (umani inclusi) dal punto più lontano. Parti con noi.

KALEIDER - A PORTRAIT WITHOUT BORDERS

L’istallazione invita chiunque a farsi ritrarre dal sistema di intelligenza artificiale della piattaforma digitale di Kaleider. Il ritratto viene poi rielaborato e disegnato in tempo reale da tre piccoli robot sulla parete dell’auditorium di BASE. Il risultato è un grande murales composto da centinaia di volti provenienti da tutto il mondo. Persone sconosciute una accanto all'altra, presenti contemporaneamente, insieme, eppure separate. In un periodo di distanziamento, A Portrait Without Borders ci unisce. Eseguito originariamente in luoghi vuoti durante il lockdown nel 2020 e diffuso tramite un live streaming, questa è la prima volta che A Portrait Without Borders incontrerà le persone dal vivo.  Kaleider è uno studio di produzione diretto dall'artista Seth Honnor e dalla produttrice Katie Keeler. Kaleider produce opere che invitano il pubblico a riflettere, combinando installazioni, performance dal vivo e digitali. Negli ultimi 5 anni Kaleider ha realizzato 144 performance internazionali in 14 paesi e 5 continenti contando un pubblico di più di 65.000 persone.  Prendi parte all’installazione > Per visitator* e per chiunque da lontano voglia essere parte dell'installazione, vi invitiamo a caricare un vostro selfie sulla piattaforma https://portraitwithoutborders.com/milano  #PortraitMilano

INFO

10 giugno - 24 luglio* | Ingresso libero Room 1400 - BASE Milano, via Bergognone 34 *Il robot sarà in funzione per due settimane, fino al 24 giugno. Successivamente rimarrà visibile il murale con i ritratti dei volti da tutto il mondo. A Portrait Without Borders sarà chiusa al pubblico il 9 luglio. Credits Seth Honnor è un In Situ Artist 2020 - 2024. Kaleider è una Arts Council England National Portfolio Organisation (2015-23) ed è finanziata dall'Exeter City Council. 

RESTA IN ORBITA  

Dal 10 giugno al 24 luglio saremo in viaggio con:  Anna Rispoli / Martina Angelotti, Corps Citoyen, DOM_/ Leonardo Delogu, Effetto Larsen, Elisabetta Consonni / Aiep, Francesca Grilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Leonardo Schifino, Lotte van den Berg, NONE Collective, LUIT – Zelda Soussan & Ruggero Franceschini, Seth Honnor / Kaleider, Threes & Jacopo Jenna.   Per tutta la durata di FAROUT saranno visitabili le istallazioni Gaia di Luke Jerram, Corpi di NONE Collective e A Portrait Without Borders di Kaleider.   Scopri il programma completo >>>  
Il progetto è ideato da BASE Milano e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. Con il supporto di Unione Europea Programma Europa Creativa, In Situ - piattaforma europea per la creazione artistica nello spazio pubblico, Ministero della Cultura, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi. Con il patrocinio di Comune di Milano e British Council. Si ringrazia: consorzio italiano In Situ (ZONA K, Pergine Teatro festival, Sardegna Teatro), Forestami, Vivaio MATI 1909 e L’artistica Savigliano.
VINYL VIBES
18.06.21 - 03.09.21
time : 20:00
Good vibes, suoni caldi e profondi, quell’iconico graffiato. Che sia soul, funk, rocksteady, psichedelia, elettronica, rock, i venerdì dello Stabilimento Estivo BASE hanno sempre un sound molto groovy ma allo stesso tempo rilassato, ideale ad adattarsi in situazioni di ascolto come di “non ballo”. In consolle, dal nostro palco con albero, le collezioni di vinili di: Luca Barcellona WAX UP! (18 giugno - 23 luglio - 3 settembre), Soulfinger (16 luglio - 13 agosto), Psychophono (2 luglio - 30 luglio - 20 agosto) e Matteo ‘Rufus’ Guastoni, aka Rufetti (9 luglio - 6 agosto - 27 agosto). Tutti i venerdì estivi dalle 20 Accesso libero, consigliata la prenotazione 3929977049
Events not founds.